Olio extravergine di oliva biologico di Nevero

4,00 l/scatola

Olio extravergine di oliva biologico di Nevero

4,00 l/scatola

Acquista direttamente dal produttore. Nessun Intermediario.
Raccolto limitato e stagionale.
Il Farmer non effettua spedizioni (per il momento) nel Paese selezionato:  Stati Uniti
Specifiche
Contenuto della scatola: 1 scatola contiene 4l di olio extravergine di oliva biologico
Varietà: Arbequina e Picual
2 x olio EVO biologico Arbequina (latta di 1 litro): sapore fruttato maturo medio-alto, dolce, armonico e complesso. Esprime solitamente sfumature che ricordano l'erba, la mela, il platano e un certo tocco floreale. È minimamente amaro e speziato.
2 x olio EVO biologico Picual (latte da 1 litro): gusto fruttato medio, che mostra una combinazione di sfumature verdi e mature; esprime solitamente sfumature che ricordano la foglia di ulivo, il pomodoro e il carciofo; mediamente amaro e speziato
Agricoltura biologica certificata dal marchio europeo di Agricoltura Biologica dal 2019
Abbinamenti consigliati: insalata di legumi, pesce bianco, carni bianche arrosto, verdure grigliate, insalata di pomodori, pesto
Conservare in un luogo non troppo caldo (<27ºC), fresco e asciutto, al riparo dalla luce diretta e mantenendo i contenitori chiusi; con una corretta conservazione il nostro olio può durare fino a 18 mesi.
seal icon
Guardiano dell'ambiente
seal icon
Senza BPA
seal icon
Agricoltore 360
seal icon
Biologico
seal icon
Agricoltore giovane
seal icon
Piccolo agricoltore
seal icon
Accetta visite
Juan Olivares Fernández
La mia famiglia proviene da una città nel nord di Jaén dalla radicata tradizione olivicola ed era dedita al commercio e alla produzione di olio, ragione per cui fin da piccolo ho vissuto e ammirato questa cultura. Dopo aver terminato gli studi da ingegnere agronomo e aver lavorato per un po' all'estero, sono tornato agli ulivi e mi sono concentrato sul progetto di famiglia. Da allora, mi sono sforzato di valorizzare l'olio EVO e mi sono concentrato sulla qualità e sulla protezione dell'ambiente. In settori così tradizionali come quello dell'olio, credo sia fondamentale che entrino nuove persone, desiderose di imparare e migliorare quello che c'è. Per questo motivo mi sono specializzato in tecnologia olivicola e olivicoltura, per far sì che l'ulivo dia prova di sé come dovrebbe e lo dimostri ai consumatori. La possibilità che mi offre CrowdFarming è quella di avere un rapporto diretto con i consumatori interessati a conoscere le persone, l'ambiente e il lavoro che ci sono dietro ogni prodotto, un metodo che privilegia la sostenibilità globale del progetto.
Nevero
L'azienda agricola El Nevero si trova nel sud-est della Spagna, alle porte della Sierra del Segura. L'azienda agricola è circondata da mandorli, terreni agricoli, pinete e macchia mediterranea (sparto, timo, rosmarino, ginestra). L'area in cui si trova l'azienda, Campos de Hellín, è una zona agricola dal clima semi-arido, con inverni molto rigidi, estati secche e temperature molto elevate. Un tempo era molto prospera grazie all'industria dello sparto, ma l'arrivo delle fibre sintetiche ha fatto scomparire l'intero settore, colpendo molto la zona. Da quando abbiamo avviato il nostro progetto nel 2014, abbiamo sempre avuto un obiettivo molto chiaro: vogliamo che i nostri oli trasmettino e rappresentino l'ambiente e la cura in cui e con cui sono cresciuti, avvicinando i consumatori all'agricoltura e al territorio in cui vengono prodotti, dimostrando che non sono mera merce. Abbiamo scommesso su questa zona perché riteniamo che abbia caratteristiche peculiari, che fanno sì che l'olio abbia qualità uniche. Prima era un'antica tenuta con colture estensive, le quali circa 20 anni fa sono state convertite in uliveto, coltura tradizionale della zona, sfruttando l'acqua sotterranea disponibile. Sono consapevole del fatto che l'acqua è un bene limitato e molto scarso nella nostra zona, quindi ho sempre cercato di ottimizzarne l'utilizzo. Utilizziamo un impianto di irrigazione a goccia con un bacino di accumulo. Inoltre, disponiamo di un impianto di energia fotovoltaica e monitoriamo l'irrigazione grazie a tecnologie agricole di precisione tramite l'utilizzo di sensori di umidità, che ci aiutano a sapere quando, come e quanta acqua applicare alle nostre colture. Stimiamo che il nostro oliveto abbia bisogno di circa 2000 m³ di acqua per ettaro all'anno. Nel 2016 abbiamo iniziato la conversione all'agricoltura biologica e il primo raccolto di produzione biologica è stato nel 2019. Questo cambiamento è in accordo con il nostro approccio alla sostenibilità: economica (realizzare un'azienda redditizia), sociale (generare un impatto positivo sul territorio) e ambientale (cura e rispetto per il nostro ambiente). Una delle mie più grandi preoccupazioni è il suolo, una risorsa che non è esclusivamente nostra, ma che dobbiamo mantenere e curare per le generazioni future. Manteniamo le coperture vegetali tutto l'anno e ripuliamo la boscaglia in momenti specifici per evitare la competizione per l'acqua con il raccolto. Queste coperture ci aiutano anche ad aumentare la presenza di entomofauna ausiliaria, la quale ci aiuta a mantenere un migliore equilibrio nelle diverse popolazioni di animali che si trovano nei campi. Ci sono anche alcune aree dell'azienda agricola non coltivate e le zone limitrofe di macchia che fungono da rifugio per gli animali. Gli insetti sono uno degli ingranaggi più piccoli degli ecosistemi: senza di loro gli ecosistemi terrestri e acquatici collasserebbero. Siamo in quattro a essere coinvolti in questo progetto durante tutto l'anno. In periodi di maggiore carico di lavoro, principalmente per attività come la potatura o la raccolta, assumiamo persone del posto per generare un impatto positivo sul territorio. In generale la mia quotidianità in azienda può essere così descritta: mi dedico alla gestione tecnica sia nei campi che nel frantoio e mi occupo anche della parte commerciale. José è il nostro manager sul campo ed è incaricato di coordinare tutte le attività in modo che i nostri ulivi abbiano sempre le cure di cui hanno bisogno; Pedro gli da una mano con tutti questi compiti; infine, Carolina si occupa del controllo qualità durante la campagna. Per quanto riguarda i residui del raccolto, nel caso delle olive si può utilizzare praticamente tutto. Fin dall'inizio abbiamo cercato di chiudere il ciclo, cercando di ridurre al minimo la dipendenza da input esterni: usiamo le foglie insieme alla sansa per fare il compost, mentre l'osso viene separato e venduto come biomassa. Con l'oliva, se sai come gestirla, nulla va sprecato.
Informazioni tecniche
Indirizzo
Nevero, Hellín, ES
Altitudine
630 m
La Squadra
1 donna e 3 uomini
Dimensione
25 ettari
Tecniche di coltivazione
Agricoltura biologica
Sistema d’irrigazione
Irrigazione a goccia
Domande frequenti
Che impatto genera il mio acquisto?
Come viaggia il mio ordine?
Che garanzia di acquisto ho?
Quali vantaggi ottengo acquistando direttamente dall'agricoltore?
vs: 0.54.2_20221003_093337