Quinoa biologica di Finca Pepito

8,00 kg/scatola

Quinoa biologica di Finca Pepito

8,00 kg/scatola

Acquista direttamente dal produttore. Nessun Intermediario.
Raccolto limitato e stagionale.
Il Farmer non effettua spedizioni (per il momento) nel Paese selezionato:  Stati Uniti
Specifiche
Contenuto della scatola: 1 scatola contiene 8kg di quinoa biologica
Varietà: quinoa rossa, bianca e nera
2 x Quinoa bianca biologica (sacchetti di carta kraft da 2 kg ciascuno): da cotta ha una consistenza leggera e morbida; sapore più neutro e facile da degustare, per cui si adatta a qualsiasi tipo di ricetta, da zuppe a stufati, da insalate a dolci
1 x Quinoa rossa biologica (sacchetto di carta kraft da 2 kg): consistenza più soda; sapore più intenso rispetto alla quinoa bianca; ideale per insalate e zuppe
1 x Quinoa nera biologica (sacchetto di carta kraft da 2 kg): un po' più croccante della quinoa bianca; leggero sapore terroso che la distingue dalle altre; alternativa innovativa da abbinare a crostacei o qualsiasi piatto di voglia
Agricoltura biologica certificata dal marchio europeo di Agricoltura Biologica dal 2019
Conserva la quinoa in un luogo fresco ed asciutto: in questo modo manterrà le sue proprietà per 24 mesi.
seal icon
Guardiano dell'ambiente
seal icon
Zona disabitata
seal icon
Niente plastica
seal icon
Biologico
seal icon
Azienda familiare
seal icon
Accetta visite
seal icon
Analisi aggiuntive
Fredy Bautista Cisneros
Mi chiamo Fredy Bautista e sono nato in Perù nel 1977. Fin da quando ero bambino ho partecipato alle attività agricole svolte dalla mia famiglia, imparando dai miei genitori e dai miei nonni. RIcordo che durante il periodo di raccolta mangiavo i prodotti freschi assaporandone la freschezza unica. Prima di dedicarmi a questo progetto lavoravo nel settore non agricolo, ma non mi sono mai sentito felice come ora, con la mia azienda agricola. L’agricoltura si è rivelata la mia passione ed una possibilità di aiutare la mia famiglia e la mia comunità a migliorare il loro stile di vita. Anche se essere agricoltore non è facile a causa del clima, della mancanza di risorse economiche e delle norme nazionali e internazionali che ostacolano l’agricoltura artigianale, voglio continuare su questo cammino e rendere il nostro ambiente sostenibile, dimostrando che la vita comincia dall’agricoltura. Io e Yudi siamo diventati genitori all’età di 17 anni, quindi abbiamo dovuto cominciare a lavorare fin da molto giovani. Ho un’esperienza lavorativa variegata: sono passato dall’essere camionista e poi venditore di formaggio artigianale, all’iniziare un allevamento di trote che però non è andato in porto. Infine, ho deciso di tornare alle origini e ti dedicarmi alla coltivazione di quinoa con l’obiettivo di farlo conoscere e di offrirlo oltreconfine. La nostra quotidianità dipende dal periodo dell’anno in cui ci troviamo. Di solito, Yudi, appassionata di cucina, si occupa della preparazione dei pasti per i lavoratori e mi da una mano nell’organizzazione delle attività; insieme, inoltre, prepariamo l’attrezzatura e le risorse che ci servono nelle varie giornate.
Finca Pepito
L’azienda agricola si chiama “Finca Pepito” in onore al nostro secondogenito, José Cisneros, che è disabile e speciale perché ha la capacità di trasformare tutto ciò che lo circonda. Fin da quando è entrato a far parte della nostra famiglia è stato ed è la nostra roccia, il simbolo di una lotta costante e coraggiosa e il suo sorriso ci da speranza ogni giorno. Ci troviamo ad Ayacucho, la “Città delle 33 chiese”, nella parte centro-meridionale delle Ande peruviane. É una città signorile per via dell’architettura, dell’arte e della tradizione ed è stata il teatro della Battaglia di Ayacucho, che ha stabilito l’indipendenza del Perù. Tra Ayacucho e la nostra azienda agricola si possono ammirare stupefacenti canyon, alte mesete, pampas ondulate, lagune, vigogne, una grande varietà di coltivazioni, mandrie di vacche e greggi di pecore. Nelle “pune” (regioni di altopiani) si può anche osservare la titanca (o Puya Raymondi) , una pianta che cresce ad un'altitudine di 3000 m la cui infiorescenza è la più grande del regno vegetale, arrivando fino a 18.000 fiori per pianta. Nella nostra azienda coltiviamo quinoa e in modo selvatico crescono anche deliziosi frutti quali amarene, alchechengi peruviani e queñua, un albero che arricchisce la terra, regola il clima, evita l’erosione del suolo e trattiene l’acqua. Nelle vicinanze scorre un piccolo fiume e ci sono 7 piccole lagune da cui ricaviamo l’acqua che ci serve per irrigare. Per quanto riguarda la fauna, abbiamo fenicotteri delle Ande, oche selvatiche, pecore, vacche e cavalli. Nell’azienda agricola ci sono due colli, il “Huaujio” ed il “Colona”. Ci troviamo vicino all’area di conservazione regionale “Bosco di Puya Raimondii - Titankayocc” di Vinchongo e ai resti archeologici inca di Vilcashuamán. Chiara (la regione in cui ci troviamo) è un’area agricola e di allevamento molto viva grazie alle sue risorse naturali e alle vie di comunicazione che portano alle varie città; infatti, il 65% dell’attività economica della regione si basa proprio sull’agricoltura. La coltivazione biologica della quinoa richiede numerose attività, dato che si tratta di un lavoro artigianale e molto manuale. Così, anno dopo anno, rileviamo la necessità di assumere nuovi dipendenti per poter svolgere tutte le attività necessarie, e questa è una cosa che ci rende molto orgogliosi: poter offrire posti di lavoro alla nostra comunità e contribuire al miglioramento delle condizioni economiche di molte famiglie non ha prezzo. L’azienda è passata di generazione in generazione dal 1918: i nostri antenati coltivavano patate dolci, mashua (un tubero andino), quinoa, amaranto e avena. La coltivazione della quinoa richiede attenzioni particolari di stagione in stagione. Ad Ayacucho la stagione delle piogge inizia circa a metà settembre e dura fino alla fine di marzo e le piante di quinoa hanno normalmente bisogno di 300-350mm. Anche se coltiviamo a secco, abbiamo comunque un sistema di irrigazione a pioggia di emergenza per intervenire in caso di siccità e la nostra fonte di acqua è il fiume Aqchipa Huachana. Abbiamo il certificato di agricoltura biologica dal 2019, un percorso che abbiamo intrapreso per l’interesse nel produrre un alimento di alta qualità nutrizionale e allo stesso tempo rispettoso dell’ambiente circostante. Le erbe infestanti ed i resti del raccolto vengono reintegrati al suolo affinché apportino materia organica dopo la loro decomposizione. Inoltre, ci prendiamo cura di vari cespugli ed erbe aromatiche come prezzemolo e salvia, che fanno da rifugio per insetti “benefici” che attuano la lotta biologica. Riduciamo l’apporto di input esterni al suolo e non utilizziamo fertilizzanti o pesticidi sintetici. Lavoriamo in armonia con la natura cercando la qualità in tutto ciò che facciamo e rispettando la capacità naturale delle piante, degli animali e del paesaggio. Realizziamo la rotazione delle colture (nell’ordine: patate, quinoa, orzo, fagioli), una tradizione che abbiamo ereditato dalla cultura andina. Fare un buon uso del suolo e variare le coltivazioni aumenta la vitalità ed il rinnovo costante del suolo, evitando l'erosione. Il nostro consumo energetico è minimo e al momento non disponiamo di energie rinnovabili. Inoltre, non produciamo residui: quando raccogliamo la quinoa separiamo sul posto i chicchi dalla parte erbacea, che lasciamo sul terreno, e poi selezioniamo i chicchi con l’aiuto di una macchina che chiamiamo “zaranda” e che separa le impurità facendo un cumulo unico insieme ai chicchi in cattivo stato che poi verranno reincorporati nel terreno. Non abbiamo una zona di compostaggio fissa dato che incorporiamo i nostri residui direttamente nel suolo per migliorarne l’aerazione ed apportare nutrienti. In azienda siamo io e mia moglie Yudi a lavorare in modo fisso tutto l’anno e possiamo anche contare sull’aiuto dei nostri 4 figli. Durante la stagione della raccolta veniamo aiutati da quindicina di persone che lavorano con noi da 3 anni. Dagli inizi del progetto abbiamo migliorato le loro condizioni lavorative di anno in anno, offrendo stipendi al di sopra della soglia minima. In più, i nostri dipendenti possono partecipare a corsi di apprendimento sull’agricoltura biologica, sulla produzione di fertilizzanti naturali, su marketing…
Informazioni tecniche
Indirizzo
Finca Pepito, Ayacucho, PE
Altitudine
3514 m
La Squadra
7 donne e 10 uomini
Dimensione
20 ettari
Tecniche di coltivazione
Agricoltura biologica
Sistema d’irrigazione
Coltivazione a secco
Domande frequenti
Che impatto genera il mio acquisto?
Come viaggia il mio ordine?
Che garanzia di acquisto ho?
Quali vantaggi ottengo acquistando direttamente dall'agricoltore?
vs: 0.52.0_20220922_180142