Asparagi verdi biologici di Azienda Agricola Carbone Luciano

2,00 kg/scatola

Asparagi verdi biologici di Azienda Agricola Carbone Luciano

2,00 kg/scatola

Acquista direttamente dal produttore. Nessun Intermediario.
Raccolto limitato e stagionale.
Il Farmer non effettua spedizioni (per il momento) nel Paese selezionato:  Stati Uniti
Specifiche
Contenuto della scatola: 1 scatola contiene 2kg di asparagi verdi biologici
Varietà: Grande
Asparagi verdi, turioni lisci, con un apice perfettamente chiuso e diametro che va dai 5 ai 16 millimetri; dal sapore dolce ma marcato, tengono bene la cottura e sono eccellenti da arrostire o lessare e poi condire con olio e sale
Coltivazione biologica certificata dal marchio europeo per l'Agricoltura Biologica dal 2006
Raccolti su richiesta, spediti senza cera o trattamenti di conservazione della buccia, in una scatola di cartone senza plastica
1 kg contiene tra 40 e 45 pezzi (nella scatola riceverai tra 92 e 103 asparagi, a seconda delle dimensioni)
Se conservati in frigo, possono durare fino a 10 giorni in buone condizioni
seal icon
Guardiano dell'ambiente
seal icon
Agricoltore 360
seal icon
Niente plastica
seal icon
Biologico
seal icon
Energia rinnovabile
seal icon
Agricoltore giovane
seal icon
Azienda familiare
seal icon
Accetta visite
seal icon
Analisi aggiuntive
Luciano Carbone
Sono Luciano Carbone, sono nato nel 1986 e lavoro nell’azienda di famiglia da quando ho 16 anni, ho fatto una piccola pausa di 4 anni dal 2012 al 2015 dove dirigevo un negozio di vendita di prodotti ortofrutticoli biologici nel nord Italia. Come detto, oltre questa piccola parentesi, ho sempre lavorato nell’azienda di famiglia e l’ho sempre fatto con enorme gioia e passione. Tutto ciò mi è stato tramandato da mio padre e mio nonno che, prima di me, hanno portato avanti l’azienda di famiglia. Da loro ho imparato l'amore per la terra e il buon vivere e la dedizione al lavoro, che è una qualità fondamentale per un buon agricoltore. Ricordo quando, da bambino, andavo con loro nei campi durante l'estate, facendo merenda con pane e pomodori appena raccolti. La mia giornata inizia alle 5 del mattino e finisce a tarda sera, tra gli impegni di produzione nei campi e quelli di amministrazione. Nella pianificazione dei lavori in campo vengo aiutato da due responsabili e per la raccolta dalla restante parte del gruppo. Mio fratello Daniele è il mio braccio destro nella parte di produzione. Per la parte amministrativa, invece, collaboro con mia moglie Kizzy. È con lei che mi occupo di tutti gli aspetti riguardanti il progetto CrowdFarming. Del mio lavoro amo camminare nei campi, controllare la crescita delle piantine e prendermene cura. Amo la natura! Per me vedere crescere le piante è un po' come vedere crescere dei bambini, mi dà una soddisfazione immensa! Ho deciso di di seguire questo progetto, per avere la possibilità di arrivare direttamente nelle case dei consumatori, per riscoprire quel valore stretto che c’era un tempo tra contadino e acquirente e avere, così, un riscontro diretto e sincero bypassando le grandi catene, che abbelliscono il prodotto con “finti “ e costosi ornamenti. CrowdFarming, invece, punta alla qualità!
Azienda Agricola Carbone Luciano
L’azienda agricola Carbone Luciano è nata nel 1950, quando mio nonno ha affittato il terreno, e deriva dal lavoro di tre generazioni, con la speranza che i nuovi nati portino avanti questo progetto che è ormai una vera e propria tradizione. Dopo varie esperienze in Europa e in Africa, ho deciso di ritornare ad investire nella mia terra natia. La bellezza di coltivare i campi in Puglia è dovuta al suo clima mite e alle terre particolarmente fertili per la coltivazione del frumento, del pomodoro e dell’asparago. Inizialmente coltivavamo cereali e leguminose perché non c'era la disponibilità di irrigare i campi. Ora abbiamo un sistema di irrigazione che ci permette di coltivare vari tipi di verdure, oltre a una parte dell'azienda che abbiamo mantenuto come campi di cereali. I circa 70 ettari che compongono l'azienda sono divisi in: 19 ettari per la coltivazione del grano, 29 per gli asparagi, 8,5 di pomodori, 1,5 di peperoncini e 12 di varie verdure, a seconda della domanda del mercato e di ciò che vogliamo produrre. Da qui la ventennale coltivazione dei terreni con un metodo biologico (siamo certificati Bios e Global Gap) e prettamente a carattere familiare. Il nostro metodo biologico unisce la tradizione con tecniche innovative. Per esempio, usiamo il drone per il trattamento mirato dei campi con prodotti fitosanitari autorizzati in biologico, in caso di necessità. Inoltre, stiamo per iniziare con il lancio degli insetti utili, per ridurre o azzerare del tutto l’uso di fitosanitari o repellenti naturali. Attorno alla nostra azienda ci sono molti altri produttori di ortaggi, che però sono in agricoltura convenzionale. Per evitare che i nostri prodotti vengano contaminati, lasciamo 10 metri di zona non coltivata da ognuno dei nostri vicini. Questo favorisce anche la crescita di piante autoctone e la presenza di insetti, aumentando la biodiversità della nostra azienda. Con questi stessi vicini siamo comunque sempre a stretto contatto, per cercare di convincere anche loro a dare il grande passo verso l’agricoltura biologica. Per ridurre al minimo il consumo di acqua, usiamo una stazione meteo che ci permette di ridurre gli sprechi idrici e monitora costantemente l'umidità del terreno e dell’aria, per prevenire le malattie fungine delle piante. L’acqua che usiamo per irrigare i nostri campi proviene da pozzi e la distribuiamo in campo tramite un sistema di irrigazione a goccia. La quantità di acqua consumata durante l’anno dipende molto dalle piante che coltiviamo. La nostra media è di 12 litri annui di acqua consumata. Per essere sicuri che l’acqua che usiamo sia libera di contaminanti e agenti pericolosi, la facciamo monitorare frequentemente da un laboratorio di analisi certificato. L’energia elettrica che usiamo proviene da fonti rinnovabili, quali i pannelli fotovoltaici. Oltre tutto ciò, mi piacerebbe iniziare ad applicare anche i metodi dell’agricoltura biodinamica, per dare un ulteriore passo verso il rispetto della Terra. Tanti dei lavori che si svolgono in azienda, come per esempio la raccolta e la preparazione degli ordini, sono completamente manuali. Per questo, collaboro con circa 30 dipendenti ormai da piú di 10 anni, tutti con un salario congruo con l’accordo collettivo. Cerchiamo sempre di usare al massimo i prodotti che raccogliamo. Quello che però non può essere inviato ai clienti, lo restituiamo alla terra, in modo che diventi concime per le future coltivazioni. Lo stesso facciamo con l’erba. Dopo averla eliminata, la lasciamo sul campo affinché possa aumentare la sostanza organica presente nel terreno. L’eliminazione dell’erba avviene meccanicamente però, nelle parti più vicine alle piante, lo facciamo manualmente per non danneggiarle. In alcuni ortaggi (pomodori, peperoni e peperoncino) usiamo il telo pacciamante fatto in amido di mais, per ridurre la crescita di erba.
Informazioni tecniche
Indirizzo
Azienda Agricola Carbone Luciano, Foggia, IT
Altitudine
48 m
Dimensione
70 ha
La Squadra
20 uomini e 10 donne
Tecniche di coltivazione
Coltivazione biologica
Domande frequenti
Che impatto genera il mio acquisto?
Come viaggia il mio ordine?
Che garanzia di acquisto ho?
Quali vantaggi ottengo acquistando direttamente dall'agricoltore?
vs: 0.55.0_20221004_103745